venerdì 18 aprile 2008

Coltivate solo quelle abitudini da cui siete disposti a farvi dominare

Eccoci eccoci amicici!!! Finalmente ritorno sugli schermetti dei vostri computer per elargirvi ancora opinioni non richieste e notizie di dubbio interesse...no, non sono Emilio Fede, non vi preoccupate...
E' che ogni tanto mi fermo nella scrittura di questo blog per colpa della solita situazione statica che mi circonda...è inutile che scriva tredici volte al mese se poi devo solo dire "Oggi ho mangiato le lasagne alla mensa!" o "stasera sono stanco perchè ho studiato..." no?!? Essendo un periodo di studio mi sembra ovvio che le giornate si susseguano in maniera ripetitiva e la cosa certo non entusiasma la scrittura (Figuratevi la lettura!).
E di qui il titolo del blog, una citazione di Elbert Hubbard (non chiedetemi chi è perchè non lo so proprio, ma qui ha visto giusto!)
Credo infatti che le abitudini prendano possesso, in un certo qual modo, della vita di ognuno di noi (altrimenti non si definirebbero nemmeno con il termine stesso di "abitudini"), ma credo anche che questo non sia necessariamente un male, anzi magari è più un bene che un male.
Verissimo che è palloso fare sempre le stesse cose; siano le 2 ore di sita a settimana per firenze, le gornate a studiare, uscire sempre nel solito posto con la solita gente...quello che volete. Ma a parer mio è proprio l'abitudine che rende più apprezzabile lo svago, il cambiamento, la novità di una serata passata con gente nuova, il viaggio in macchina con gli amici sorpassando la solita sita, un week end fuori casa per buttarsi via dal ridere...cavolo se sapessi di fare queste cose ogn sera per anni non sarebbe più...irripetibile. E, paradossalmente diventerebbe quasi...abitudinario.
E per finire, vi dirò che non so come sia da voi, ma io mi diverto sempre un botto il fine settimana!!!
Adieu!

P.s.: L'intervento è dedicato alla ragazza col thermos di Hello Kitty, che è abituata a non venire più a lezione...
:-P