lunedì 18 febbraio 2013

Namu amida Butsu (che ce la mandi bona, insomma)


Il mio rapporto con le seghe mentali è piuttosto turbolento e altalenante, alla maniera di Kate Moss e  Pete Doherty.
In parole povere io sfilo nudo sulla passerella dell’idiozia e le mie seghe mentali si drogano, fanno canzoni di merda e mi convincono a non cacciarle di casa.
Si insomma ci siamo capiti dai.