lunedì 16 giugno 2008

Il Mio Eroe

Ragazzi, voi sapete che sono contro i video nei blog, ma ho trovato questa meraviglia, e precludervene la visione era decisamente troppo. Godetevelo.





Per chi non sapesse cosa è voyager: Il programma più bello della tv italiana dei nostri giorni.
Vi prego, per chiunque già non lo faccia
il prossimo anno
GUARDATE VOYAGER!!!
P.s.: L'intervento è dedicato allo Zucca, compagno di risate su Giacobbo, e all'amico che mi disse che non leggeva i miei post perchè troppo lunghi da leggere...beccati questa Pino!


venerdì 6 giugno 2008

Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità

Eccomi di nuovo con voi, amici vicini e lontani, durante il countdown
per l'esamone di anatomia: indietro con lo studio ma sempre presente!!!
Vi posso dire, per chi in questi giorni mi ha visto poco, di non preoccuparvi: non sono morto.
Sto veramente studiando e sudando sopra i miei libroni, cercando di
capirci qualcosa (e riuscendoci, ahime, raramente) sperando comunque di
avere tempo di imparare e approfondire quanto più possibile prima dello
scadere del tempo utile...

Spesso però capita, solo questa settimana 2 o 3 volte, che la
televisione (amica, compagna maestra e amante segreta  di noi  braccia
rubate all'agricoltura) non provveda al naturale rilassamento dovuto
alla disconnessione dei fasci corticìpeti...in poche parole non c'è
nulla di guardabile alla tv che permetta di staccare il cervello un
paio d'ore.
E allora che si fa se non c'è più nemmeno Giacobbo (conduttore, per chi
non lo sapesse, dell'esilarante Voyager) con le sue teorie traballani e
le sue scoperte sconclusionate?!?
E' in quei momenti che io e il mio coinquilino preferito (Zucca
n.d.r.), abbassato il volume della tele, affrontando apertamente i temi
più misteriosi e toccando i dubbi più profondi dell'animo umano, ci
divincoliamo tra teologia,  fisica, medicina, filosofia, politica e chi
più ne ha, più ne metta, dando luogo a interessanti conversazioni.
Non mi interessa ora elencarvi i vari argomenti di discussione (sono
troppi e troppo vari), ma concentrarmi sul fatto che spesso, in queste
"analisi" capita talvolta che uno dei due interlocutori, a fronte di
deduzioni o ragionamenti, cambi idea.

Ecco che ora vi si svela il motivo della citazione dell'eterno (meraviglioso) nichilista Nietzsche.
E' infatti spesso un'ipse dixit di ciceroniana memoria, un Pitagora che
ci ferma nell'avanzata verso la verità o perlomeno ce ne peclude il
tentativo.
Il Pitagora in questione può essere chiunque: il professore, il libro, tuo padre, l'opinionista alla tv, spesso te stesso.
Un esempio su tutti: trovo strano che tanti non vogliano una ricerca
scientifica più aperta solo perchè la chiesa non è d'accordo...ognuno
può credere in quello che vuole, ma precludersi la risposta a una
domanda solo perchè altre persone ti spiegano (a volte con troppa foga)
come non sia quella giusta è decisamente anacronistico per i tempi in
cui viviamo no?

Personalmente sono convinto dell'immenso potere che detiene chiunque di
fronte ad una sua mancanza, ad un'idea che si rivela sbagliata,
all'evidenza di un'errore, a un qualunque buon motivo per farlo, ha la
forza di cambiare idea...e di conseguenza cresce.

Ansioso di sapere cosa ne pensate, vi lascio ai vostri pensieri!
Adieu

P.s.: Prego le protagoniste del bisticcio sul post precedente di NON litigare sul mio blog, qualunque altra forma di commento è molto gradita!

P.P.s: L'intervento è dedicato alla segreta amante di Dr.House, che come sempre si dimostra troppo gentile.