martedì 11 novembre 2008

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato.

Rieccomi di nuovo tra voi, amici fedeli e lettori casuali!
Vi confesso che nonostante l'ultimo post risalga ad un paio di settimane fa, mi sembrava un'eternità. In effetti queste due settimane tra halloween e festeggiamenti vari sono passate alla velocità della luce, Lucca (leggi Lucca Comics N.d.r.)ha lasciato il fisico molto debilitato, e l'università coi suoi corsi e i suoi scioperi ha contribuito a segare le gambe anche al criceto Billy, che gira la rotellina nella mia cavità cranica.
Aggiungete a ciò che la mia giornata, come la vostra, dura 24 ore ma ne dovrebbe durare 36 per organizzarsi al meglio e permettere quella che alcune diligenti compagne di corso chiamerebbero una "pianificazione accurata delle attività".
Se con qualcuno di voi ho fatto progetti che non sono andati in porto, se vi ho ringambato situazioni o vi ho dato bidone scusatemi, vi prego.
Il fatto è che spesso e volentieri mi manca tempo.




Ma visto che ormai mi manca, mi sono detto che perderne ancora un pò per questa piccola riflessione non avrebbe certo fatto crollare il mondo.
Credo che a questo punto della lettura molti di voi si siano identificati più o meno bene con la situazione, mal comune mezzo gaudio ragazzi.
Ma non cerco di capire il fatto che il tempo manchi, perchè mi sono ormai convinto che la realtà sia diversa: il tempo c'è, in realtà manca solo per qualcosa. Infatti ci sono per me ,come credo anche per voi delle attività per le quali raramente manca tempo, dei must irrinunciabili ormai entrati nell'abitudinaria routine e solo di rado vengono rimandate/sospese/eliminate. Queste attività di cui parlo sono quelle che, in piazza con gli amici, si chiamano "perdere tempo": io per esempio spesso mi ritaglio qualche ora per leggere, andare in centro, disegnare; c'è chi fa sport, chi naviga su internet...
Quello che mi premeva puntualizzare è che, nonostante credo sia fondamentalmente sbagliato dedicare troppo tempo a qualsiasi cosa (senza ritornare sull'argomento estremismo di un paio di post fa) e l'armonia sia l'obbiettivo ideale da perseguire, non sia completamente di fuori ogni tanto dedicarsi al tempo perso.

Jhon Lennon, se lassù dove sei becca internet fammi sapere cosa ne pensi, e grazie per l'ispirazione.

Dediato alla ragazza più indaffarata che conosco, mi ci vorrà una rete da pesca...

Vi lascio ai vostri pensieri
Adieu

2 commenti:

  1. Io amo perdere tempo... Fondamentalmente non faccio nulla durante la giornata... ma, come dire, a me piace... imparo un sacco di cose anche a navigare su internet.... Per esempio oggi ho scoperto d avere poteri paranormali!!!poi ti spieghero in cosa consistono che sennò la gente mi prende per matta....Cmq leggere, disegnare, andare in centro non sono perdite di tempo... Perdita di tempo è stare alla tv tutto il giorno a guardare la De Filippi ( cosa che io faccio spesso purtroppo!!!)....Ps Hai per caso visto la pubblicità del pocket coffee?? Il protagonista è il Manga!!! Uguale!!!Mi so buttata via dalle risate!!! Bye

    RispondiElimina
  2. beh che dire mi ci ritrovo perfettamente in qst post..
    e sai una cos ann c\'è tempo speso peggio di quello buttato a "pianificare le attività" (dillo alle tue comapgne d classe) anche xche x cm sn fatta io, piu pianifico e piu vado contro i miei piani:-)
     
    ps: gli ai dato pure un nome al criceto??? beh che dire,,, sei avanti... Adesso daro un nome pure al mio..mica x altro ma è in fin di vita poverino dovro pur trovare un nome da mettere sul cartello di morte:-)

    RispondiElimina