mercoledì 18 febbraio 2009

Bisogna sempre essere un pò improbabili.

Assente ingiustificato ma giustificabile, dopo un bel po di tempo ritorno da voi amici per il pixel...e mi siete mancati.
E' un periodo grande pieno di impegni e svaghi che volevo e dovevo vivere, per cui spero che la mia assenza non comprometta il nostro rapporto ma anzi lo renda più piacevole (come per me così anche per voi!), si tratta in fondo come sempre di bilanciare: piaceri e attese, vivere e raccontare, delusioni e sorprese.
Di questo ne avevamo già parlato anche qualche tempo fa in fondo, niente di nuovo.




Come sempre accade, ragionando mi imbatto in temi che mi colpiscono per la loro semplice complessità; nel senso che sono facilmente comprensibili e comuni ma difficilmente affrontabili, e da buon presuntuoso questa come le altre volte vorrei mettervi a conoscenza di cosa ottiene Eddie dalla sua rotellina girando senza posa. (Per chi non lo sapesse, Billy ha cambiato nome :D)

Il fatto è che mi sono accorto di come sia noioso e inutile vivere una situazione in funzione di qualcosa di statico.

Vi faccio un'esempio a me familiare: vivere l'università in funzione di una laurea.
Molti di voi sono o sono stati studenti universitari, ma il concetto si estende a chi lavora per lo stipendio o a chi ancora studia aspettando il diploma. Vivere una relazione in funzione del sesso, vivere un'allenamento in funzione di una partita...ora forse avete più o meno capito le basi.
Mi capita spesso di vedere gente che estende questo...questa "cosa statica" a coprire tutta la sua giornata, passando attraverso rinuncie e privazioni degne dei migliori martiri. Questo mi preoccupa anche un pò, oltre che intristirmi.
E mi rendo conto di aver già espresso la mia opinione sulle passioni portate all'estremo, non approfondirò oltre in questo senso, ma mi servono questi concetti limite per mettervi l'occhio sulla devastante opera della prevedibilità sulla situazione in esame.
Ho scoperto a mie spese in questo periodo quanto fosse deleteria tale scontatezza privandomene (più o meno volontariamente): è stato pauroso, poi strano, poi straordinario.
E il rendersi conto di non dipendere più da quella prevedibile, schifosa "cosa statica" almeno in parte della mia giornata è stato liberatorio, gratificante.
Come sempre ho imparato, come sempre ho cambiato idea, come sempre qualcuno c'era già arrivato, molto prima di me. Un genio come Wilde non poteva che capirlo al volo.

Come sempre accade, vi lascio ai vostri pensieri.
Adieu


Dedicato a chi se n'è accorto prima di me, e a chi se ne accorgerà anche un pò grazie a me.

4 commenti:

  1. NOn c avevo mai pensato.... grazie!!! arrivata alla conclusione che la mia vita è proprio triste, proverò a togliere la "cosa statica"!!! So già come fare,ma devo maturare un altro pò di coraggio!!!grazie grazie grazie!!

    RispondiElimina
  2. Statico??? che vuol dire??? io passo le mie giornate tra studio, lavoro, computer, ragazza, amici, softair, poker, D&D, a cercare i puffi, facebook, Msn, mangiare, pause bagno, palestra, dormire, compleanni, aperitivi. PS3 ecc. non è semlice trovare spazi per altre cose... molte volte la donna mi chiede se ho l\'amante e io gli rispondo che non ho tempo!!! io penso che i piaceri sono troppi e il tempo è poco, so che prima o poi lavorerò e troverò la mia strada, quale non la so ma so che ho 24 anni e questi sono gli anni yeah della vita, chi si ferma non riparte. Ogni sera eravamo in 15, anno dopo anno siamo rimasti in 2 che usciamo tt le sere, la cosa che mi fa preoccupare è che anche il sabato sera sono spariti quelli della mia età, alieni o hanno trovato in casa la loro staticità??? secondo me chi è statico non vive più per le emozioni ma è passivo verso di loro!!! sempre di più uno cerca la tranquillità della settimana, una variazione viene vista come uno sconvolgimento!!! io non rinnego nulla della mia vita apparte qualche cicatrice di troppo però posso dire che ho vissuto, o strafatto, sono morto e risuscitato insomma sn soddisfatto!!! Burca scusa se sono andato fuori tema ma se provabilmente fossi andato più a scuola invece che al giro la mattina avrei anche capito con sicurezza cs hai scritto, è ufficiale anche dp la laurea sono ignorante...speriamo sulla specialistica...al max cìè il master... tutto ciò aspettando la pensione... se arriverà?!

    RispondiElimina
  3. Lucaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

    RispondiElimina
  4. Son cotta a quest\'ora...già cotta.non riesco a leggere tutto il discorso... volevo solo salutarti!a presto!

    RispondiElimina